News

Notizie di economia e lavoro

News
Sviluppo professionale e carriere

Come creare un cv vincente

“Un cv non è più il biglietto da visita come si pensava in passato e non è nemmeno una semplice cronistoria, ma è uno strumento costruito per agganciare l’attenzione di chi legge, stimolare il desiderio di approfondire la conoscenza del professionista e scoprire, poi in sede di colloquio, la persona dietro il professionista”. Cosi spiega Roberta Bullo, direttore generale di Uomo e Impresa, società di outplacement

“La costruzione di un cv è senz’altro un aspetto individuale perché è necessario che rispetti le caratteristiche di chi rappresenta, ma è importante che possieda criteri di efficacia comunicativa, chiarezza delle competenze che vogliamo arrivino al nostro interlocutore e oggi più che mai sintesi esaustiva. Quindi è meglio un cv breve, con indicazione chiara dei propri punti di forza, aree di interesse professionale e tratti di personalità messi in evidenza. Il cv è veramente vincente quando queste cinque dimensioni (formazione, esperienze di lavoro, focus professionale, performance professionale, motivazione personale) risultano coerenti e uniti da uno storytelling accattivante. Un altro aspetto importante da gestire oggi nel redigere un cv è l’infografica: gli spazi e i settori in cui possono essere inserite le informazioni diventano un modo per comunicare ciò che è più importante per noi, dove sono le informazioni strategiche per chi dà una veloce lettura del documento e per decidere cosa mettere maggiormente in evidenza per quella posizione. La grandezza del carattere e i colori definiscono anche lo stile di una persona: alcuni cv possono essere più neutri, altri di maggior impatto. Sono efficaci in un cv quelle frasi che fanno capire che la persona ha un obiettivo, uno scopo personale, una visione d’insieme del come intende incidere in una organizzazione. Altrettanto efficaci sono quelle frasi che fanno capire come la persona mette in relazione esperienze apparentemente distanti tra loro ma unite da un senso che è personale e unico. Oggi sono importanti in particolare gli aspetti di relazione, come la capacità di lavorare in team, le capacità di gestire progetti in autonomia realizzativa, l’avere un mindset dinamico pronto a ripartire dall’errore, capace di gestire normali intoppi del mondo lavorativo attraverso la curiosità e la flessibilità organizzativa nel proprio lavoro”, aggiunge il direttore generale di Uomo e Impresa.

“Il ruolo dell’outplacement, nella redazione di un cv durante gli incontri con il candidato, è efficace: consente alla risorsa di avere davanti a sé uno specchio, oltre che un professionista, in grado di guidarlo. Il consulente aiuta il candidato a raccogliere in modo organizzato le proprie esperienze, raccontarle non secondo uno storytelling soggettivo, ma piuttosto quello più funzionale per le aziende a cui si rivolge. Incontro dopo incontro supporta il candidato in una propria riscoperta in termini professionali, in una revisione delle proprie esperienze lavorative, concentrandosi sui risultati che ciascun candidato ha raggiunto nei diversi ruoli e/o nelle diverse aziende in cui ha lavorato. Fornisce supporto sia nella sintesi delle competenze e nella capacità da inserire nel cv, sia nella scelta del linguaggio più funzionale da utilizzare a seconda delle aziende a cui ci si vuole candidare. Può presentare alla risorsa degli interlocutori specializzati per capire come valorizzare al meglio le esperienze del candidato. Il consulente di outplacement ha un ruolo che si concretizza in tre parti: “cicerone” per il candidato che viene accompagnato a fare il punto sulla propria carriera e percorso professionale, “specchio” rispetto alle competenze reali e “career coach” rispetto alla spendibilità delle proprie competenze ed esperienze”, conclude Roberta Bullo.

Uomo e Impresa è l’Agenzia per il Lavoro specializzata nell’offrire soluzioni personalizzate per l’innovazione professionale dei dipendenti aziendali, siano essi destinati ad evolvere all’interno o all’esterno dell’organizzazione stessa. Dal 2004 fa parte del Gruppo Umana, condividendone i valori di centralità della risorsa umana e della fiducia nella capacità lavorativa di ciascuno. Uomo e Impresa offre alle aziende un insieme di servizi integrati per la riorganizzazione e miglioramento delle risorse umane. Si tratta di interventi che partono dalla condivisione della visione strategica di cambiamento e sviluppo del vertice aziendale e si concretizzano in azioni quali: bilanci di competenze e del potenziale, personal e team coaching, outplacement individuale e collettivo.